manuale_insolvenza

home / Archivio / Fascicolo / Perché una rivista di Corporate Governance

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Perché una rivista di Corporate Governance

Giovanni Barbara

Articoli Correlati: corporate governance

Sommario:

1. La Corporate Governance - 2. Il contesto di riferimento - 3. Il perché della Rivista


1. La Corporate Governance

Sono esperienza di tutti noi la persistenza e l’incisività del dibattito su tematiche di Corporate Governance, che, oltre a rappresentare l’insieme di regole relative al buon governo d’impresa, costituisce l’epicentro della riflessione alimentata dalla letteratura economica e giuridica. È noto che le categorie logico-giuridiche elaborate dal legislatore e dalla dottrina possono trovare, se razionalizzate, pratica applicazione nell’operatività sempre più complessa dell’impresa (cfr., ad esempio, la “rilettura” delle norme relative ai tipi societari proposta da P. Montalenti, Il diritto societario dai “tipi” ai “modelli”, in Giur. comm., 2016, I, p. 420 ss.). È inevitabilmente la Corporate Governance – in tutte le sue molteplici declinazioni – ad essere chiamata in causa per la soluzione di problemi connessi alla vita, all’operatività, agli investimenti, allo sviluppo ed alla crisi d’impresa. Quando in ambito societario si assumono decisioni affiorano sempre risvolti in termini di Corporate Governance e tale constatazione ha animato il dibattito sulla materia, sviluppatosi negli ultimi decenni, oltre che suscitato l’attenzione dell’am­pia platea di soggetti a vario titolo coinvolti. All’attenzione del legislatore e della giurisprudenza rivolta al tema del [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Il contesto di riferimento

Seppure in assenza di una definizione di Corporate Governance universalmente condivisa e riconosciuta, senza entrare nel merito delle molteplici formule utilizzate, se, da un lato, è pacifico che essa rappresenti l’insieme delle regole finalizzato alla gestione ed al controllo delle società al fine di creare valore per gli azionisti o nella prospettiva più ampia che oggi va delineandosi, dall’altro, è importante rilevare co­me non possa essere considerata svincolata dal contesto di riferimento. In altre parole, nella vita delle società, collocate in un quadro dinamico ed in continua evoluzione (qual è, appunto, il sistema-paese), confluiscono politica, istituzioni, regole, legislazione, codici di autoregolamentazione, authorities e così via, tutti elementi che, oltre a rappresentare un discrimen ai fini della determinazione della qualità di Corporate Governance, ne diventano essi stessi parte integrante. In tale prospettiva appare opportuno un riferimento, tra le tante, alla definizione di Corporate Governance proposta da Jonathan R. Macey, che la identifica, nell’ac­cezione più ampiamente descrittiva, con “tutti i meccanismi, le istituzioni e gli strumenti mediante i quali si gestisce una società e tutto ciò che in qualche modo può influenzare le modalità di gestione”, proponendo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Il perché della Rivista

La rivista nasce dalla piena consapevolezza che la tematica in discorso riveste un interesse sempre più attuale ed incisivo, poiché i comportamenti virtuosi di chi gestisce le imprese possono – nei fatti – riflettersi in via immediata ed influire sugli equilibri del sistema-paese, e in quanto l’internazionalizzazione delle imprese e la globalizzazione dei mercati hanno concorso a conferire centralità al tema, soprattutto in termini di convergenza internazionale. Sia in ambito accademico che nei vari settori delle istituzioni, dell’industria e della professione, è sentita l’esigenza di approfondimenti sistematici, cui ci si propone di far fronte dando impulso e sviluppando la riflessione scientifica. Riflessione che, in un contesto dinamico ed in continua evoluzione come il nostro, tenterà primariamente di fornire elementi di analisi più certi e di concorrere allo sviluppo dell’elaborazione scientifica, intervenendo sul dibattito aperto e sottraendosi, quanto più possibile, al rischio di autoreferenzialità attraverso il coinvolgimento di opinioni diverse e qualificate, di giuristi e aziendalisti. In altri termini, il progetto che si intende portare avanti avrà come finalità primaria quella di trasferire il patrimonio accademico attuale ed in continua crescita al mondo delle imprese, permettendo a queste ultime, con le dovute semplificazioni [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio