corso comm rev

home / Archivio / Fascicolo / Gli assetti adeguati e i flussi informativi

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Gli assetti adeguati e i flussi informativi

Giovanni Barbara, Professore straordinario di Diritto commerciale nell’Università LUM Giuseppe Degennaro oltre che Direttore scientifico e Direttore responsabile della rivista scientifica Corporate Governance

Il contributo indaga l’importanza e la stretta connessione che intercorre tra il dovere imposto agli amministratori (sia individualmente considerati sia come plenum) di curare adeguati assetti organizzativi e di coltivare ed implementare i flussi informativi, anche alla luce del nuovo codice della crisi.

Parole chiave: assetti adeguati – flussi informativi – Codice della crisi.

Adequate structures and information flows

The paper investigates the importance and the close connection between the duty imposed on directors (both individually considered and as a plenum) to take care of adequate structures and to cultivate and implement information flows, also in light of the new Crisis Code.

Keywords: adequate structures – information flow – Crisis Code.

1. Trattare di “assetti adeguati” senza prestare ampia considerazione ed attenzione ai “flussi informativi” ed indagare il rapporto intercorrente tra i primi ed i secondi, probabilmente, sarebbe un esercizio incompleto.

Lo si evince dalla particolare attenzione che la dottrina ha prestato al rapporto che corre tra la predisposizione di assetti interni, il dovere di agire informato, la circolazione efficiente delle informazioni e l’adeguatezza dei suddetti assetti [1].

Sul tema è stato, in particolare, osservato che “il punto di partenza è costituito dalla considerazione secondo cui nella medesima disposizione in cui si incardina l’obbligo di agire informato [2]… il legislatore fissa anche l’ulteriore onere per gli amministratori delegati di curare (quindi predisporre) assetti organizzativi, amministrativi e contabili adeguati rispetto «alla natura ed alle dimensioni dell’im­presa» [3]”.

La valutazione dell’adeguatezza è lasciata invece al consiglio di amministrazione che sulla base delle informazioni ricevute [4] deve [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio